Lingotti oro, gli operatori di mercato e la formazione dei prezzi

La tecnica di lavorazione dei piccoli lingotti oro è di alto livello di precisione e risulta più costosa di quella dei lingotti di grossa dimensione.

Oro Fuso

Tutti i lingotti oro devono essere accompagnati da un certificato cartaceo che garantisca la sua originalità. I certificati, emessi dalle raffinerie, devono contenere il numero di serie, il peso dell’oro fino ed il titolo di purezza.

In Italia vige la legge 7/2000, dove il comma 3 dell’articolo 1 puntualizza che il commercio professionale di oro da investimento è riservato alle banche ed agli operatori autorizzati dalla Banca d’Italia, mentre alle persone fisiche o giuridiche non autorizzate è concesso di eseguire operazioni di acquisto e vendita solo se sono effettuate in modo occasionale e non professionale.

Generalmente i principali operatori del mercato dei lingotti oro sono gli operatori professionali, come per esempio i Banco Metalli (società private autorizzate dalla Banca d’Italia alla compravendita all’ingrosso di metalli preziosi come oro, argento, platino e palladio, ma anche orologi di marca, gioielli, monete e pietre preziose).

Abbiamo già visto che la principale piazza per la fissazione del prezzo dell’oro è Londra, dove ogni giorno vengono determinati i fixing, alle ore 10,30 e alle 15. Durante la giornata vengono offerti agli operatori professionali le quotazioni denaro/lettera: la differenza tra i due prezzi è determinata dalle quantità trattate e dalla volatilità del mercato.

I prezzi dei lingotti.

Al prezzo così determinato sono da aggiungere anche i vari costi (manifatturiero e quelli eventuali per il trasporto e l’assicurazione) e le commissioni di vendita e di partecipazione al fixing.

Un fattore che incide in modo significativo sul prezzo del lingotto è quello della tecnica di lavorazione: la coniazione per le dimensioni più piccole dei lingotti (da 5 a 100 grammi) e la fusione per quelli rimanenti. La coniazione dei piccoli lingotti avviene con la stessa tecnica usata per le monete e mostrano nei dettagli un alto livello di precisione, per cui la loro lavorazione ha un notevole costo che va ad incidere sul prezzo. Il costo della manifattura incide tra il 4 ed il 13% del valore del piccolo lingotto.

Per questo motivo i prezzi dei piccoli lingotti sono notevolmente più alti rispetto ai lingotti di grossa dimensione e non vengono quindi acquistati come investimento, ma sono utilizzati, per esempio, nelle ricorrenze come regalo. Dunque gli investitori che intendono investire in oro fisico preferiscono comprare lingotti oro di pezzatura più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *